Laghetto da giardino fuori terra, come si realizza

Avere un piccolo specchio d’acqua nel proprio giardino è sicuramente una cosa piacevole, un tocco di bellezza in più per il nostro spazio verde. Ma avere un piccolo laghetto da giardino è anche un modo per tenere lontane le zanzare. Infatti, se nel laghetto collochiamo dei pesci rossi, questi mangeranno tutte le uova delle zanzare che vengono deposte nell’acqua, quindi nel giro di pochi giorni inizieremo a sentire il grande beneficio del nostro piccolo laghetto. Ma come si realizza? Quali sono le cose che dobbiamo sapere prima di fare delle spese, a volte, anche importanti?

Laghetto da giardino, cosa devi sapere

La prima cosa che devi sapere è che così come per le piscine, esistono laghetti interrati e laghetti da giardino fuori terra. La differenza tra queste due tipologie è molto semplice in realtà. Nel primo caso stiamo parlando di un laghetto che richiede uno scavo importante in giardino, con conseguente impermeabilizzazione delle pareti e costruzione del contenitore in loco, o comunque che richiede l’alloggiamento del contenitore già pronto.

Il laghetto fuori terra, invece, richiede semplicemente la posa della vasca attorno alla quale verrà realizzata una copertura a seconda della scelta estetica operata, quindi potrebbe essere in pietra, mosaico, finta ossia, manto erboso, insomma, dipende dai propri gusti e dal resto del contesto del giardino.

Quindi la prima scelta da operare è senza dubbio questa, laghetto interrato o fuori terra? Ci sono poi una serie di ulteriori considerazioni da fare, come per esempio il budget a disposizione, quanto tempo abbiamo a disposizione, quanto spazio.

Realizzare un laghetto fuori terra

laghetto da giardinoA differenza del laghetto interrato, il laghetto fuori terra non richiede un grande dispendio di risorse e di tempo, al contrario, è molto semplice da realizzare. In questo caso, infatti, sarà sufficiente calcolare quale e quanto sia lo spazio a disposizione e di conseguenza scegliere la vasca delle dimensioni e della forma più adatta alle proprie necessità.

Per quanto riguarda la copertura, invece, via libera alla fantasia, ma se non siamo particolarmente abili nei lavori manuali è meglio chiedere l’intervento di un operaio specializzato, normalmente un paio di giorni di lavoro, considerando anche i tempi di posa, sono sufficienti. Quindi, tutto sommato, non stiamo parlando di una spesa esagerata, ovviamente variabile in base al modello e alla grandezza del laghetto, nonché delle eventuali decorazioni.

Nel laghetto cosa ci metto

Particolarmente adatte ai laghetti fuori terra sono le tartarughine acquatiche, ma come abbiamo visto, anche i pesciolini rossi sono idonei, L’importante, a prescindere dalla specie animale o vegetale che decidiamo di inserire nel laghetto, è tenere l’acqua ben pulita e ossigenata.

Last updated: April 1, 2020

Comments

No comments yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.